Corto di Sera 2016. Assegnati i premi e le targhe di riconoscimento

Alla presenza del magistrato Nicola Gratteri si è svolta ieri sera 16 agosto la cerimonia di premiazione della quinta edizione di Corto di Sera.

Di seguito i titoli dei vincitori delle rispettive categorie.

MIGLIOR CORTO “RIPRESO BENE”

“Confiscati e abbandonati” dell’Associazione  “A Testa alta”

Per aver realizzato un reportage che denuncia in maniera lucida e documentata le gravi anomalie nella gestione dei beni confiscati. Il documentario realizzato dall’Associazione “A testa alta” evidenzia una realtà inquietante di fronte alla quale le istituzioni locali sono chiamate a dare risposte inequivocabili.

MIGLIOR CORTO “VISIONI ISOLANE”

“Minicu 102” di Agnese Reitano e Sebastiano Messina

MIGLIOR CORTO “FROM ITALY TO ITALA”

“Il potere dell’oro rosso” di Davide Minnella

INTERNAZIONALI

“We Can’t Live Without Cosmos” di Konstantin Bronzit

PREMIO “GIOVANNELLO DA ITALA”

“Minicu 102” di Agnese Reitano e Sebastiano Messina

Gli autori hanno raccontato con delicatezza la storia di “Minicu”, un autentico artista profondamente legato alla tradizione siciliana. Grazie al linguaggio diretto e naturale del protagonista lo spettatore sorride e si commuove. Un documento prezioso che contribuisce a tutelare e promuovere il patrimonio culturale siciliano.

PREMIO CINIT

“Il Miracolo”

di Serena Aragona, Honglei Bao, Fabrizio Benvenuto, Luca Cenname, Michele Leonardi, Alberto Mangiapana, Domenico Modafferi, Alain Parroni, Mariagiovanna Postorino, Mario Vitale.

Con una regia accurata gli autori raccontano in modo coinvolgente e ironico una storia comune a molte famiglie. A rendere piacevole il film concorrono una buona sceneggiatura e la bravura dell’attrice protagonista.

PREMIO SPECIALE FOTOGRAMMA D’ORO

“Hostal Eden” di Gonzaga Manso

Per la qualità tecnica e per l’efficacia con cui l’autore è riuscito a veicolare il messaggio attraverso un linguaggio acuto e mai banale, frutto di un uso sapiente, attento e armonico della macchina da presa. L’opera, pur non trattando specifiche tematiche di attualità, ci offre un’originale interpretazione di un sentimento universale. Attraverso la metafora cristiana, una madonnina di gesso appesa a una parete di una stanza di un albergo, l’autore ci rende partecipi di un mondo di gioie e dolori, frequentato da uomini e donne, avventurieri della vita, tutti diversi ma in fondo tutti uguali dinnanzi alla propria solitudine.

Menzioni Speciali

“Passimossi” di Gandolfo Schimmenti

Per la sapiente fotografia che bene accompagna il percorso sofferto di una donna.

“Getting fat in a Healthy way” di Kevork Aslanyan

L’originalità e la magitrale regia rendono questa opera un singolare modo di raccontare la diversità.

Gratteri a Corto Di Sera

Gratteri a Corto Di Sera2

Gratteri a Corto Di Sera3

grattericonsegnapremioIreneFlavia

Gratteri a Corto Di Sera4

grattericonsegnapremioIreneFlavia2

nelsonmauro

agneseMessina AgneseReitano_SebastianoMessina CaminitiLeonardi CaminitiLeonardi2 coglitorecortosera       MicheleLeonardi  premi Pubblico168

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...